Circa un terzo delle donne sperimenta una caduta dei capelli in qualche momento della propria vita; questa percentuale aumenta tra le donne in postmenopausa, infatti ben due terzi di queste soffrono di diradamento o calvizie. La caduta dei capelli ha spesso un impatto maggiore sulle donne che sugli uomini, in quanto questa è socialmente meno accettabile per loro. L’alopecia può influenzare gravemente il benessere emotivo e la qualità della vita di una donna.

Nella Clinica della Dr.ssa Özlem Biçer capiamo quanto la caduta dei capelli possa essere dannosa per la fiducia di una donna. Tuttavia, prima di iniziare il viaggio per riacquistare questa fiducia in se stessi, una delle cose più importanti che ogni deve determinare è quale tipo di caduta di capelli sta vivendo. Una volta stabilita, assieme al proprio medico si penserà ad un trattamento, e, in alcuni casi, ad un trapianto capillare. Al fine di non turbare il benessere emotivo della paziente, il trapianto di capelli eseguito dalla Dr.ssa Özlem Biçer non ha bisogno di una rasatura completa della testa, il che significa che nessuno intorno a te capirà che hai subito un intervento chirurgico di restauro dei capelli.

Generalmente la caduta dei capelli nelle donne può essere categorizzata in tre tipi: alopecia androgenetica, telogen effluvium e caduta di capelli non secondo un modello. L’alopecia androgenetica è la causa più comune di caduta di capelli nelle donne e il modello di caduta dei capelli in questo caso è meno prevedibile nelle donne rispetto agli uomini. Il telogen effluvium, ossia una perdita repentina dei capelli, può derivare da molte cause, tra cui l’uso di farmaci, le tendenze alimentari e lo stress. Poi ci sono tutti gli altri tipi più rari di caduta di capelli, che ricadono nella categoria “caduta di capelli non secondo un modello”.

Cause di caduta dei capelli nelle donne

1. ALOPECIA ANDROGENETICA

Il principale tipo di caduta dei capelli in entrambi i sessi è l’alopecia androgenetica. Negli uomini la caduta dei capelli di solito inizia da sopra le tempie per poi attaccare linea frontale dei capelli creando alla fine la caratteristica forma a “M”; successivamente anche i capelli nella parte superiore della testa si assottigliano, spesso progredendo fino alla calvizie. Nelle donne, l’alopecia androgenetica inizia con un assottigliamento graduale della linea in parte, seguita da una crescente caduta di capelli diffusa che si irradia dalla parte superiore della testa. La linea frontale dei capelli di una donna raramente si ritira e le donne raramente diventano calve.

Come suggerisce il nome, l’alopecia androgenetica comporta l’azione degli ormoni denominati androgeni, che sono essenziali per il normale sviluppo sessuale maschile e hanno altre importanti funzioni in entrambi i sessi, compresa la regolazione della crescita dei capelli. Questa condizione può essere ereditata e coinvolge diversi geni. Ma a differenza dell’alopecia androgenetica negli uomini, nelle donne il ruolo preciso degli androgeni è più difficile da determinare.

2. GRAVIDANZA

Essere incinta è uno dei più grandi stress che una donna possa subire nel proprio corpo. Durante questo periodo, i livelli ormonali sono completamente diversi da quelli normali, provocando molti cambiamenti nel corpo e i capelli non sono immuni da questi effetti.

Durante la gravidanza, c’è un aumento del livello dell’ormone estrogeno. L’estrogeno fa sì che i capelli rimangano nella fase di crescita del ciclo di crescita dei capelli. Mentre sei incinta, dovresti aspettarti di avere una chioma piena e sensuale.

Tuttavia, una volta partorito, le cose possono cambiare. Quando i tuoi ormoni tornano ai loro livelli normali, questo potrebbe causare uno shock enorme al corpo, e i tuoi capelli potrebbero iniziare a cadere.

Ciò significa che gli estrogeni che avevano impedito ai capelli di cadere sono scomparsi, quindi i capelli iniziano a perdere. Questo può essere angosciante, perché fino al 60% dei capelli può entrare nello stadio di riposo in una sola volta, causando la caduta improvvisa di molti capelli.

Tuttavia, i capelli ricominceranno a crescere. La caduta dei capelli causata dalla gravidanza è essenzialmente una forma specializzata di telogen effluvium.

3. SINDROME DELL’OVAIO POLICISTICO

La sindrome dell’ovaio policistico – o PCOS – è un disturbo ormonale che colpisce in particolare i livelli endocrini e provoca squilibri ormonali. Molte donne che soffrono di PCOS hanno livelli di ormoni androgeni – testosterone e diidrotestosterone (DHT) – superiori alla media. È questa maggiore quantità di DHT che causa la caduta di capelli nelle donne che soffrono della sindrome dell’ovaio policistico.

Se trovati in quantità elevate, gli androgeni – in particolare il diidrotestosterone – si fissano sui follicoli piliferi e iniziano a intaccare i capelli, causando infine la caduta dei capelli. Il diidrotestosterone quindi intasa il follicolo pilifero, causando la sua incapacità di creare nuovi capelli. Questa è essenzialmente un’altra forma di alopecia androgenetica.

4. MENOPAUSA

La menopausa ha una miriade di effetti sul corpo e sui capelli, tutti causati dalla diminuzione dei livelli di estrogeni. Insieme alle vampate di calore, agli sbalzi d’umore e all’improvviso aumento dei peli sul viso, ci si può aspettare che i capelli si assottiglino, che l’attaccatura dei capelli si allarghi e che conseguentemente aumenti la caduta di capelli.

Poiché gli estrogeni mantengono i capelli in fase di crescita, i livelli ridotti di questi provocano un accorciamento del ciclo di crescita del capello e successivamente il capello cadrà prima che raggiunga la lunghezza che era in grado di raggiungere prima della menopausa.

5. ANEMIA

L’anemia è una condizione clinica sanguigna caratterizzata da una ridotta concentrazione di emoglobina e causata da una mancanza di ferro. Il ferro è un nutriente incredibilmente importante per i tuoi capelli.

L’anemia è in genere causata o da una mancata assunzione di cibo ricco di ferro, o da uno scorretto assorbimento di questo da parte delle cellule.

Se hai notato che i capelli hanno cominciato a diradarsi, può valere la pena di parlarne al tuo medico per capire se magari sei anemica. I livelli di ferro possono essere corretti grazie a degli integratori alimentari di ferro e a cambiamenti nella dieta.

Il ferro è importante per i capelli in quanto contiene ferritina, un ferro immagazzinato che aiuta a produrre le proteine ​​delle cellule dei capelli. Dei livelli corretti di ferritina massimizzano anche la fase anagen (in crescita) dei capelli, oltre ad incoraggiare i capelli a crescere ad una lunghezza corretta.

6. Altre cause della caduta deı capellı nelle donne

Per scoprire di più sul tipo di caduta dei capelli che potresti avere e sulle soluzioni a tua disposizione per rimediare a tutto ciò, scrivici per una consulenza e per una valutazione dettagliata da parte della Dr.ssa Özlem Biçer.

IL TRAPIANTO DI CAPELLI NELLE DONNE PRESSO LA CLINICA DELLA DR.SSA ÖZLEM BİÇER

Decidere di subire un trapianto di capelli è una decisione importante: sono molti gli aspetti diversi da considerare infatti, come ad esempio la scelta del tipo di trapianto da adottare o la decisione di quando è il momento migliore per effettuare il trapianto. Siamo a tua disposizione per fugare qualsiasi tipo di dubbio e aiutarti in questa direzione.

Presso la Clinica della Dr.ssa Özlem Biçer siamo esperti in entrambe le tecniche di trapianto di capelli FUE e FUT.

La differenza principale tra un operazione eseguita su una donna rispetto a quella sull’uomo è che specialmente per gli interventi chirurgici su una donna, sia con tecnica FUE sia con quella FUT, non viene mai rasa completamente la testa della paziente, ma solo una striscia di 2-4 cm tra le orecchie. Quest’area non sarà visibile perché sarà coperta dai capelli esistenti.

Ogni operazione e ogni paziente sono diversi, ma il momento migliore per subire un trapianto è simile per la maggior parte delle persone. A questo proposito abbiamo tutte le informazioni di cui hai bisogno, chiedici tutto quello che desideri attraverso la mail italia@ozlembicer.com o Whatsapp al 0090 534 592 80 08.

Se desideri ulteriori informazioni sulla caduta dei capelli, non esitare a contattarci e prenota una consulenza gratuita e senza impegno.

In cosa consiste la scala di Ludwig?

I medici usano la scala di Ludwig per descrivere la calvizie femminile. Il tipo I è un assottigliamento minimo che può essere mimetizzato con una pettinatura coprente. Il tipo II è caratterizzato da un volume ridotto e da un notevole allargamento della parte mediana. Il tipo III descrive un diradamento diffuso, con un aspetto trasparente sulla parte superiore del cuoio capelluto.

Suggerimenti per aiutare le donne a individuare i primi segni di perdita dei capelli

  1. Da più di un paio di mesi perdi più capelli del solito, forse mentre li lavi o spazzoli li trovi sul cuscino o sui vestiti. È normale perdere fino a 100 capelli al giorno, quindi se non li lavi ogni giorno, la quantità di capelli caduti che vedrai sarà più evidente;
  2. La tua coda di cavallo è più sottile;
  3. Il cuoio capelluto diventa più visibile, oppure i capelli hanno meno volume rispetto a quello di cui eri abituata;
  4. I capelli non crescono più così tanto come una volta;
  5. Le estremità sono più sottili del solito, ma non si spezzano. Un sacco di nuovi capelli possono anche crescere dal cuoio capelluto a diverse lunghezze;
  6. I tuoi capelli stanno gradualmente diventando più fini nella regione frontale, nella chierica o sulle tempie;
  7. Registri un’eccessiva crescita di peli su altre parti del corpo, come sul viso, sul petto o sulle braccia.

Contattaci subito online per avere un consulto gratuito da parte della Dottoressa Özlem Biçer. Tutto ciò che devi fare è solamente completare il seguente modulo e premere su “Invia”!

Quando hai cominciato a perdere i capelli?
Perché stai perdendo i capelli?
Soffri di malattie sistemiche?
Hai subito in precedenza una operazione medica?
Fumi?
SiNo
Consumi alcol?
SiNo
Stai assumendo qualche farmaco?
SiNo
Sei allergico a qualche farmaco o all’anestesia?
SiNo
Qualche membro della tua famiglia soffre di calvizie?
SiNo
Mandaci le foto della tua testa frontalmente, di lato, da dietro e dall’alto: